Il giusto riferimento

settembre 2012

Quando mi trovo di fronte ad un progetto da fare, e devo pensare allo spazio e alle forme, ho come una pagina bianca da disegnare, o quasi. Può essere così o anche completamente diverso, come scegliere? Come capire qual è il progetto giusto? Sicuramente la committenza ha un ruolo fondamentale con richieste e gusti propri, ma anche con questi parametri la scelta è vasta e comunque sono solo io che devo dare il giusto indirizzo da seguire. E come? Io aspetto il giusto riferimento. Comincio a lavorare sulla pianta e poi sfoglio riviste, giro, guardo libri, leggo e vado al cinema… e quando arriva il riferimento, che può essere anche solo un’immagine che parla di colori e materiali, allora prendo la foto e la attacco sulla copertina del faldone del lavoro. Quell’immagine mi guiderà durante il lavoro ed anche se lo spazio sarà completamente diverso da quello rappresentato, ho trovato la giusta atmosfera da dare al luogo.